Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2009

AdaLovelaceDay

Ada Lovelace was one of the world's first computer programmers, and one of the first people to see computers as more than just a machine for doing sums. She wrote programmes for Charles Babbage's Analytical Engine, a general-purpose computing machine, despite the fact that it was never built. She also wrote the very first description of a computer and of software.
PledgeBank


via Celine

Bottino

Ammirate anello di riciclo creato con tasto "canc"... :)

Girl Geek Dinner Bologna

La tenutaria di questo blog, con boy appresso, sabato sera va ad ascoltare lei al Girl Geek Dinner.

Ci sarà anche lei.

Of cups and teaspoons

Come amante della cucina, la capacità degli americani/australiani di cucinare basandosi sul volume, invece che sul peso, riesce sempre a stupirmi. Ammiro tutti quei misurini luccicanti che indicano
1/2 tsp/tbsp/cup3/4 tsp/tbsp/cup1 tsp/tbsp/cupNe ho una serie anche io. Mi rendo conto che è solo questione di abitudini ma mi sembra più difficile e in un certo senso quasi meno scientifico. Anche se a essere sinceri un tempo anche da noi le ricette erano a "occhio". (La pasta in casa si fa ancora partendo dalle uova.)

Come traduttore trovo questa stessa capacità un incubo. Datemi la malattia più rara, ho comunque la possibilità di arrivare a una sua resa tramite la rete personale di amici (di amici di amici), se non tramite la rete internet.

Datemi una ricetta da tradurre e i miei mal di testa si decuplicano. La maggior parte delle persone pensa a noi traduttori "come quelli che traducono - magari male - un romanzo" ma i romanzi sono solo una minima parte di ciò che si tr…

L'italiano e le sue regole

Come traduttori, tutti noi ci siamo trovati a dover approfondire alcuni aspetti della nostra lingua madre. Anche senza essere comunicatori di professione dobbiamo conoscere le regole per sapere quando infrangerle. (Naturalmente nel nostro caso si tratta più che altro di sapere quando altri rompono quali regole e come rendere questa rottura in una lingua sempre e comunque altra.)

A volte, tuttavia, ho la sensazione di essermi trasformata in un mastino (più che un watchdog) della lingua, anche fuori dal mio lavoro.

Quando leggo mi saltano all'occhio senza sosta tutta quella serie di peccati, forse solo veniali, ma che mi fa sospettare un po' della casa editrice (perché si sente la mancanza di un redattore).
I testi sono interessanti, scritti bene, su argomenti che segui (Artuso - Mason, La nuova comunicazione interna, FrancoAngeli, 2008). Eppure mi irrita la lista di (più o meno in ordine di frequenza):
, ecca cuirefusiIo eliminerei anche "ad esempio" ma mi rendo conto che…

Tuxedo moon cat

Non mi ero mai accorta che esistesse una razza felina di nome "tuxedo".

Ringrazio Licia per la segnalazione.



Quando smetto di ridere ci risentiamo