Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2007

ancora sulle traduzioni "della morte"

In questi giorni è venuta a trovarmi dagli antipodi una cara amica e siamo spesso fuori a cena.
Queste sono alcune chicche dei traduttori "automatici" (intesi sia come fai da te sia come servizi online).
vegetable boiler
vegetable in boils
walnut-tree
Se la prima e la terza fanno solo sganasciare, la seconda è vomitevole! (Letteralmente: "verdure alla verruca"...)

Eppure la traduzione di un menu è poco costosa, si tratta di pochissime cartelle. Poi diversi piatti rimangono sempre nel menu e quindi non andrebbero eventualmente ritradotti.... Con due pranzi/cene complete te la sei pagata. Non è meglio che fare simili figuracce?

Harry Potter e le traduzioni della morte

Approfittando di qualche giorno di tranquillità, ieri ho letto un po' di post altrui. Sono passata da Massimo Mantellini, giornalista e blogger che apprezzo molto. Da lui ho scoperto che esiste una versione piratata di HP 7 in italiano. Proprio perché ho stima di lui, quando ho letto che "non sembra per nulla male", l'ho scaricata.

Ora, sono una traduttrice editoriale (per chi non lo sapesse indica che mi occupo di tutto ciò che non è narrativa). Questo credo sia evidente. Non mi nascondo quindi dietro un dito ma credetemi se vi dico che il mio giudizio non è legato alla difesa "della specie". Condivido spesso le opinioni di Massimo, anche e soprattutto sulla questione "Ordine dei" (nel suo caso giornalisti, nel mio traduttori).

Forse abbiamo letto pagine diverse, probabilmente lui ha sfogliato l'inizio, mentre io ho letto i capitoli quasi finali (King's Cross, per essere esatti). Non ricordo se Massimo abbia letto HP (anche se credo di si…

Anobii

Presa dalla curiosità, sull'onda dell'entusiasmo di Giacomo, ho deciso di provare anche io Anobii.
Dopo una domenica passata a giocarci, posso onestamente dire che non ho più il tempo e, forse, neanche l'età per certi /e giochi cose.
C'è stato un tempo in cui mi ero fatta in casa una mia versione di Anobii, poi ho capito che i libri erano troppi o forse preferivo solo leggere :)

Adesso ho tre scelte davanti:
cancello l'account (cosa che peraltro devi chiedere loro, non puoi fare tu e questo non mi piace...)inserisco solo i libri di lavoro (e non sono pochi)seguo Chiara e inserisco solo i libri nuoviSuggerimenti?

traduzione Japan

A differenza di "India", Giappone è stato un lavoro meno scorrevole. I problemi sono stati soprattutto "decisionali", legati alla difficoltà di scegliere quale "lingua" (e relativo vocabolario) si stesse usando.

Il volume è pubblicato da una casa editrice di Hong Kong, cosa che dovrebbe far propendere per un inglese di tipo britannico. Il testo tuttavia non segue questa bella regoletta semplice \grin\ e i termini usati appartengono a entrambi i vocabolari (e non solo).

Piccole cose (big shrimp vs prawn, skillet vs frying pan) che tuttavia hanno rallentato il lavoro perché anche termini semplici come cornstarch (maizena in Uk e [anche] la farina di mais in US) hanno richiesto una pausa per decidere (era la maizena ma ho deciso ai Dolci...)

Ciò che mi ha fatto perdere molto, molto tempo è stata la terminologia ittica.
Un termine relativamente semplice, quale snapper, può indicare in base al paese pesci molto diversi. (Su fish base per l'esattezza ci sono 92…